Fotocamere digitali funzione infrarossi

Le fotocamere digitali a infrarossi sono quelle macchine fotografiche che possono riuscire a catturare le onde di luce con frequenze inferiori rispetto al campo visibile all’occhio umano. E’ diciamo un tipo di fotografia che viene caratterizzata dall’alterazione dei colori e ci permette di dare un tocco unico ai nostri scatti. Per poter ottenere questo risultato nelle vecchie fotocamere analogiche diciamo che era essenzialmente sufficiente munirsi di una pellicola che fosse adatta alla cattura di questa frequenza. Ma per quanto riguarda le fotocamere digitali la cosa è decisamente un po’ più complicata. Bisogna affidarsi ad un filtro infrarosso esterno e andare ad operare direttamente sul corpo macchina e andare a rimuovere il filtro RGB dal sensore.

Diciamo che la luce, comunemente intesa, è quella parte di spettro elettromagnetico che va a coprire le frequenze tra 720 e i 380 nanometri, tutto quello che è al di sotto o al di sopra non è percepibile effettivamente dall’occhio umano. Vengono normalmente definiti ultravioletti tutti i fasci luminosi che invece viaggiano al di sotto dei 380 nanometri. Quando si parla di infrarossi si parla invece delle frequenze al di sopra dei 720 nanometri. Diciamo che il termine infrarosso significa proprio letteralmente “sotto il rosso”. Infatti il rosso è il colore percepibile dall’occhio umano con la frequenza d’onda più bassa che c’è, e quindi generalmente è la radiazione luminosa del calore in quanto un qualsiasi corpo tenderà ad irradiare infrarossi. Ci sono al momento numerose tecnologie che sfruttano l’onda infrarossa per consentire la visione notturna, ed è proprio questa particolarità a rendere la fotografia a infrarossi così interessante.

Quando si parla di filtro RGB (Red – Green – Blue) si intende quindi di base una strumentazione applicata al di sopra del sensore delle nostre fotocamere, che ha anche il compito di regolare il passaggio di determinate frequenze luminose. Così facendo normalmente il sensore è in grado di assorbire una determinata frequenza che viene poi tradotta in un colore dal software della macchina fotografica digitale. In questo senso, se si vogliono scattare delle fotografie con la tecnologia ad infrarossi senza ricorrere a supporti o dover attendere eccessivi tempi di posa, dobbiamo sostituire o rimuovere questo specifico filtro. Se volete avere altre informazioni in merito vi consiglio di consultare la guida sul sito https://fotocameredigitalimigliori.it/